Scorri verso il basso Esplora

COSTRUTTORI DI SOGNI

Nel lontano 1969, nella cittadina di Poole, sulla costa inglese, Robert Braithwaite sognava di costruire un nuovo tipo di imbarcazione.

Utilizzando materiali e tecnologie rivoluzionarie, i suoi primi progetti erano creati su misura per una piccola cerchia di clienti desiderosi di sperimentare nuove libertà

SOVEREIGN 17

Un giorno però, un’improvvisa serie di eventi segnò per sempre il futuro dell’azienda

Il destino crea le opportunità

Friars Cliff Marine Incorporation

Negli anni '60, Robert lavorava alla Friar’s Cliff Marine, una società che rappresentava diversi marchi,  tra cui le piccole imbarcazioni prodotte dal cantiere statunitense Owens Cruisers Inc.

Nel 1969, quando si trasferì nella città di Poole, la Friar’s Cliff Marine divenne Poole Powerboats. A quel punto, una serie di eventi segnò per sempre il futuro dell'azienda.

Dagli Stati Uniti arrivò la comunicazione che la Owens Cruisers intendeva interrompere la distribuzione delle proprie imbarcazioni in Europa, chiudendo l'attività in Inghilterra.

Fu in quel momento che Robert intravide un'opportunità unica. Con l'aiuto di altri, si procurò del denaro, si recò presso gli uffici della Owens ad Arundel e negoziò un accordo per acquistare gli stampi dei loro scafi.

Alla Poole Powerboats rimaneva un solo problema da risolvere.

Prima di allora, l'azienda non aveva mai costruito un'imbarcazione d'altura.

Image caption: Poole Powerboats inauguration – (from left to right) John Braithwaite, Jennifer Macklin, John Macklin, Sybil Braithwaite, Idris Braithwaite, John Blackaller, Robert Braithwaite

CHE L’AVVENTURA ABBIA INIZIO

Al principio degli anni '70, in Inghilterra, non esistevano importanti aziende produttrici di imbarcazioni da diporto.

La prima imbarcazione ad essere varata fu la Sovereign 17, nel 1971, subito seguita dalla Sovereign 20. Nel 1972 l'azienda era pronta a partecipare al Salone di Southampton e ad incontrare nuovi clienti.

Uno dei visitatori (niente meno che il pilota di Formula Uno Henry Taylor) si innamorò delle imbarcazioni della Poole Powerboats, ma ne desiderava una che potesse contenere un’ampia zona prendisole.

sports 23
Sovereign 20

Dimostrando fin dagli inizi l’impegno di Sunseeker a dare al cliente esattamente ciò che desidera , l'intera squadra si mise al lavoro per progettare questa nuova imbarcazione senza precedenti, destinata ad avere in seguito un notevole successo. Fu proprio in quel periodo che il fratello minore di Robert, John, entrò a far parte dell'attività, imparandone i fondamenti e poi intervenendo sempre di più sul design conquistandosi il ruolo che ricopre ancora oggi di Direttore dello Sviluppo Prodotti

Sull'onda di questo primo successo, l'azienda poté rispondere alla crescente domanda di imbarcazioni da diporto, lanciando i modelli Sport 23 e Daycab 23.

Era nata Sunseeker. Ora la vera avventura poteva iniziare.

 

VERSO IL MEDITERRANEO

Alla fine degli anni '70, Sunseeker aveva un buon volume di vendite, in Inghilterra come in Europa settentrionale.

Tuttavia, mirava ancora a imporsi sul fiorente mercato Mediterraneo, creando imbarcazioni con stile e prestazioni sempre più elevati.

Ecco perché Robert e John decisero di rivolgersi a uno dei più famosi progettisti navali dell'epoca, Don Shead.

Pur avendo curato il design di imbarcazioni da gara e super-yacht, Don non si era mai cimentato in cabinati prodotti in serie e la considerò l'occasione perfetta per unire la visione di Sunseeker alla sua arte.

Si mise quindi a progettare un cabinato di nuova concezione.

 

Sunseeker

Frutto di grande coraggio e immaginazione, l'Offshore 28 fu il primo del suo genere mai prodotto in Europa. Primo modello ad alte prestazioni del brand, ottenne grande successo nel sud della Francia, in Spagna e Germania, dando vita alla Sunseeker International.

Se il design innovativo degli scafi servì a portare le prestazioni delle imbarcazioni ad un nuovo livello, anche il senso estetico di Sunseeker andò sempre più raffinandosi.

 

L’EPOCA DELLA FIDUCIA

Sforzarsi di guardare le cose da un'altra prospettiva è sempre stata un'ossessione per Sunseeker. A metà degli anni '80, era diventata una passione inarrestabile.

Ispirandosi al modo in cui gli armatori utilizzavano le proprie imbarcazioni, questa innovativa prospettiva si rivelò molto proficua, consentendo a Sunseeker di distaccare ulteriormente la concorrenza, oltre che di avvicinarsi ancora di più ai propri clienti.

Con il Portofino 31, l'attenzione passò dalla progettazione di alloggi e cabine a pozzetti in grado di ospitare molte persone: il risultato fu una comoda imbarcazione a due cabine che trasmetteva stile in ogni dettaglio.

Sunseeker decise di puntare sempre più sul divertimento, l’intrattenimento e le prestazioni con una sicurezza nelle proprie capacità che si manifestò con la creazione dell'incredibile Tomahawk 37.

Molto amata anche oggi, questa imbarcazione davvero simbolica fu un altro esempio di barca dalla grande praticità, dotata di tutto ciò che Sunseeker aveva sempre promesso.

Sunseeker Sunseeker

IMMAGINAZIONE ED INNOVAZIONE

Sunseeker Predator 80

Negli anni '90, lo stile divenne un elemento ancora più importante. Tenendo a mente questo concetto, Sunseeker cominciò a riprendere le linee più morbide impiegate nel design delle automobili.

Questo, unito ad una rinnovata passione degli armatori per imbarcazioni sempre più grandi, portò alla creazione del Renegade 60, la nostra prima imbarcazione in serie, con due trasmissioni jet, capace di fondere armoniosamente prestazioni, stile e una manovrabilità eccezionale. Il vero riconoscimento del suo successo? L'applauso ricevuto al suo spettacolare ingresso al Southampton Boat Show del 1990.

Un'altra imbarcazione che all'epoca ha cambiato completamente la percezione del settore è stata il Predator 80, dotato degli interni più lussuosi concepiti da Sunseeker fino a quel momento, e soprattutto, caratterizzato dalla trasmissione Arnesson a tre motori.

Questa nuova concezione delle imbarcazioni di lusso in grado di combinare lo spazio per gli alloggi a prestazioni incredibili, ad autonomia e manovrabilità in modo totalmente inedito, confermava ancora una volta la reputazione dell'azienda non solo come designer di imbarcazioni estremamente innovative, ma anche come uno dei principali costruttori di imbarcazioni al mondo.

IL TRAGUARDO DEL MILLENNIO

Il cambio di secolo vide Sunseeker accelerare il passo, con il lancio del 105 Yacht, l'imbarcazione a motore più grande prodotta dal brand fino ad allora. I materiali compositi all'avanguardia e le tecniche di assemblaggio più moderne portarono alla nascita di un vero successo.

Continuando con lo stesso ritmo - con una velocità massima di 32 nodi - i grandi innovatori di questo settore hanno dato vita ad uno yacht dal design di grande ispirazione, vincendo due dei premi più prestigiosi dell'International Superyacht Design.

Ma l'avventura era appena iniziata.

Yacht 37
Sunseeker

La fulminea apparizione del 37M Yacht ispirò la creazione del nuovo 131 Yacht e, a soli quindici anni dal lancio del 105 Yacht, permise di raggiungere un traguardo davvero eccezionale…

La consegna del 100° yacht di lusso nella categoria super-yacht da 100ft e oltre è l'emblema del successo di una gamma di imbarcazioni davvero incredibili, incluso il nostro fiore all'occhiello, il 155 Yacht.

Questo nuovo traguardo, celebrato nel settembre 2015, è il giusto riconoscimento dei decenni di attività e innovazione di Sunseeker.

Ogni nostra creazione è un nuovo trionfo.

ESPLORANDO NUOVI MONDI

Speed

Sunseeker si è sempre mantenuta fedele alla propria visione, con una costante voglia di cercare la perfezione e superare ogni limite.

L'estrema diffusione globale del brand si deve soprattutto alla sua costante dedizione nello stabilire nuovi standard e superarsi continuamente.

Cavalcando onde sempre nuove, scoprendo nuovi orizzonti.

E non accontentadosi mai.

 

SUN_10512576_100x100_40BLK

Quando Robert pilotò il suo primo cabinato, nel1971, non si limitò a varare una nuova imbarcazione, ma portò la produzione di yacht a un nuovo livello.

Nel corso degli anni, Sunseeker ha sempre perseguito il massimo in termini di creatività, ambizione e innovazione, ottenendo un notevole successo.

Oggi Sunseeker International può contare su una efficiente squadra di oltre 2.500 designer, progettisti e artigiani di grande esperienza, sostenuti da un'ampia rete di oltre 120 punti vendita e centri assistenza, che gli consente di esportare circa 150 yacht ogni anno in più di 74 Paesi.

Sunseeker
Il browser utilizzato è obsoleto!

Aggiornalo per visualizzare correttamente il sito. Aggiorna ora

×